Salta

IO VOTO FUORISEDE

5 milioni di italiani, soprattutto giovani, studiano e lavorano in una regione diversa da quella del comune di residenza.

L’Italia, oltre a Cipro e Malta, è l’unico Paese in Europa a non riconoscergli il diritto di votare nella città in cui vivono per le elezioni politiche.

Persino stati come Ungheria e Polonia hanno sistemi che consentono il voto a distanza.

I cittadini italiani che, anche per periodi brevi, lavorano all’estero possono votare. Chi lavora e studia in Italia NO.

Per questo motivo, già alla scora legislatura, era stata promossa un'iniziativa da Emma Bonino e Riccardo Magi, per chiedere al Governo di fare il possibile per agevolare il voto di quasi un decimo della popolazione italiana. In questa legislatura abbiamo depositato una proposta di legge, a prima firma Riccardo Magi e Benedetto Della Vedova, poi confluita in un testo unico, cestinato però dalla maggioranza.

Non possiamo lamentarci della scarsa partecipazione dei giovani alla vita politica e poi non permettergli di votare dove vivono.

Firma ora il nostro appello, fai sentire la tua voce #iovotofuorisede



Dona per questa causa

Aggiungi la tua firma!

Hanno già firmato in 15.873, arriviamo a 17.000!

Mostra 13030 reazioni

  • Francesco Ferretti
    signed 2022-07-28 10:36:13 +0200
  • Francesco Cerrai Ceroni
    signed 2022-07-28 10:35:52 +0200
  • Gianpaolo Bitonto
    signed 2022-07-28 10:35:26 +0200
  • Jacopo Geremicca
    signed 2022-07-28 10:34:55 +0200
  • Giuseppe Samperi
    signed 2022-07-28 10:34:31 +0200
  • Samuele Brignone
    signed 2022-07-28 10:34:15 +0200
  • Andrea Turi
    signed 2022-07-28 10:33:48 +0200
  • Beatrice Pizzini
    signed 2022-07-28 10:33:45 +0200
  • Chiara Calore
    published this page 2022-07-28 10:00:18 +0200
  • Chiara Calore
    published this page 2022-07-27 18:05:33 +0200